Ultima modifica: 21 giugno 2018
Istituto Comprensivo di Vobarno > In evidenza dalle scuole > Creo, digito, imparo: ecco cos’è l’atelier creativo

Creo, digito, imparo: ecco cos’è l’atelier creativo

Un laboratorio tutto nuovo alla secondaria di Roè

. E nel 2018 la nostra scuola diventa Atelier Creativo, un ambiente didattico che rappresenta un punto d’incontro tra creatività e tecnologie e dove in questo secondo quadrimestre ha trovato sede naturale la costruzione di apprendimenti trasversali.

L’atelier è stato utilizzato con successo per le ore curricolari e per progetti basati sulla didattica per competenze si sono aggregati gruppi verticali, dall’infanzia alla secondaria di primo grado, si sono fatti corsi di formazione in un laboratorio pensato come luogo di innovazione.

L’idea è stata quella di pensare per la propria scuola un “ambiente dove fare esperienze per le competenze”, che puntasse a coinvolgere il maggior numero di studenti, che incentivasse la creatività, la manualità, il gioco, l’uso critico dei media e il pensiero progettuale usando anche le tecnologie: HA FUNZIONATO!!

In un ambiente di questo tipo l’apprendimento è stato, in modo naturale, guidato dal bisogno di fare e si è basato su attività, non su contenuti, perché ciò che lo guida più di ogni altra cosa è la comprensione e lo sforzo fatto nel completare un compito o una attività; qui non si è imparato per conoscere qualcosa, ma per fare qualcosa attraverso situazioni autentiche non utili ma essenziali.

I ragazzi dicono…….

in quest’aula abbiamo imparato ad usare il computer, a programmare tabelle, progettare mappe usare programmi come word, excel, GeoGebra a fare giochi istruttivi e molto altro ancora…. all’inizio dell’anno eravamo emozionati all’idea di lavorare con il computer e poi, chi più chi meno, abbiamo capito che andare in aula informatica non è solo un gioco ma vuol dire imparare molto soprattutto a familiarizzare con il mondo della tecnologia; insomma quest’aula ci ha formati sia dal punto di vista dell’informatica che della realtà che ci circonda”

Anna