Ultima modifica: 17 febbraio 2016
Istituto Comprensivo di Vobarno > In evidenza dalle scuole > Le “mille e una attività” alla S.Lucia

Le “mille e una attività” alla S.Lucia

Breve riassunto delle attività svolte o ancora in atto all’infanzia di Vobarno

Come ogni anno si succedono una dopo l’altra le tante ed interessanti attività, o progetti che dir si voglia, alla scuola dell’infanzia S.Lucia. Una scuola attiva ed attenta alle sue proposte, attentamente pensate per ciascuno dei bimbi che la frequentano.

1)Canta che ti passa: novembre e dicembre, tutti i martedì e mercoledì.

Le Fate Canterine son tornate! Il gruppo dei “Grandi” le aspettava con ansia. Per loro significa poter  esprimere emozioni, sentimenti e stati d’animo attraverso il canto, il ritmo, la danza.

E dopo due mesi, tutti pronti per la “Festa di Natale”…..

              

Se qualcuno pensa che la presenza di numerosi alunni stranieri possa essere di “impedimento” alla realizzazione dei festeggiamenti natalizi, beh…deve rivedere il proprio pensiero. E il 21 dicembre tutti gli alunni della scuola sono pronti, attraverso canti e piccole danze, ad accogliere genitori, parenti – e dirigente scolastica – nell’Aula Magna delle Scuole Medie di Vobarno.

Non solo: la sera del 22, il piccolo coro dei “Grandi” si è esibito aprendo la serata dedicata ai ragazzi della Scuola Secondaria, proponendo per l’occasione 2 canti: “Il mio mondo” e “Lo scriverò nel vento”.

2)Colori in festa: da gennaio 2016,tutti i martedì, anche i colori diventano una festa!

Per i bambini di tre anni (in “intersezione” A-B-C ): le maestre,con una maglietta colorata, una tavolozza e un cappello da artista ” Bohemienne”, si trasformano in pittrici, dando inizio ad un laboratorio “Colori in festa”. Il personaggio “mediatore” crea la “magia” attraverso la quale il bambino apprende con maggior coinvolgimento e più volentieri.

    
     

3)Psicomotricità relazionale: da gennaio 2016, tutti i martedì.

Ci occupiamo anche dei “mezzani”… Per loro predisponiamo un bel laboratorio di …. “Psicomotricità relazionale!”

È importante curare anche ciò che non si vede …..

Ascolto delle regole: attento al mio corpo; attento al corpo degli altri!

Sfondamento del muro: “ingresso nel mondo simbolico”.

Il salto: affronto e supero le paure.

Il gioco: utilizzo del materiale in base ai propri bisogni.

Stop al gioco e ascolto della storia: rielaborazione delle proprie “paure e angosce” per trovare strategie di superamento.

Presa di distanza dal vissuto: attraverso la scelta di materiali diversi , pongo bianco, legnetti e/o disegno.

 

4)Carta d’identità: progetto “continuità con la scuola primaria”

Gli alunni di 5 anni preparano il quaderno dove, attraverso vari disegni,  racconteranno la loro storia …. per non dimenticare.

 

5)Fonologia: tutti i mercoledì … e non solo!

 Il suono delle parole: i bambini hanno costruito un domino sillabico e arricchito così il proprio bagaglio lessicale.