Ultima modifica: 9 maggio 2016
Istituto Comprensivo di Vobarno > In evidenza dalle scuole > L’educazione ambientale si rinnova

L’educazione ambientale si rinnova

Il consueto progetto è stato riproposto alla primaria di Vobarno con rinnovate e gradite esperienze

Il progetto di educazione ambientale che solitamente vede coinvolte le classe quarte della scuola primaria di Vobarno, quest’anno si è rinnovato e arricchito di nuove e piacevoli novità, grazie alle idee e all’interessamento della maestra Paola.

Così è cominciato in febbraio con la consueta lezione di un esperto guardiacaccia  della polizia provinciale, il sig.Simone Minessi, che ha mostrato ai bambini diapositive sulla fauna delle nostre valli e non solo, raccontando quali sono gli aspetti principali di alcuni animali e spiegando come è meglio comportarsi in alcune situazioni.

Ecco poi giunto il momento della prima novità: l’intervento a scuola del sig. Paolo Baldi, giornalista del Bresciaoggi, e volontario che ogni anno in primavera si adopera, insieme a molti altri volontari, per aiutare i rospi comuni all’inizio della migrazione riproduttiva. La loro opera sta nel raccogliere le migliaia di rospi che tentano di attraversare la strada che costeggia il lago di Idro, facendoli raggiungere il lago (come pure ritornare poi nel bosco), salvandone così moltissimi dalle ruote delle auto di passaggio. Tutto questo poiché il rospo è un anello fondamentale dell’ecosistema naturale della zona e come tale va salvaguardato.

Ma non è finita qui… Qualche volonteroso è riuscito, insieme alla famiglia, a prendere parte ad una delle tante serata dedicate al “salvataggio rospi” a Idro, sulla strada che da Crone porta in località Vesta. Quindi tra i tanti bambini e adulti della zona, anche Vobarno ha dato il proprio contributo.

Nel frattempo si è presentata una bellissima occasione: in vista delle giornate del “Riciclo aperto”, alcune aziende in tutta Italia avrebbero aperto le loro porte gratuitamente alle scolaresche, e la società organizzatrice, la Comieco, avrebbe pure pagato il viaggio in pullman. La maestra Paola, ritenendo che non scappare l’occasione e si è attivata per consentire ad alcune classi particolarmente interessate (2^C, 3^C, 3^B, 4^A-B-C-D) di poterne approfittare! E pure questa visita si è rivelata una preziosa ed interessante scoperta.

Anzitutto le classi si sono recate all’impianto di selezione della carta di Brescia (località Buffalora) gestito dalla cooperativa Cauto, molto impegnata sul fronte ambientale. L’impianto, oltre a selezionare la carta proveniente dalla raccolta differenziata dei comuni per eliminare le “impurità” e poi inviarla in “balle” alle cartiere, si occupa anche di ritirare cibo in scadenza da alcuni supermercati, smistarlo ed inviarlo ad alcune comunità bisognose. Non di minore importanza anche l’attività di riciclo di vario materiale (biciclette, oggettistica, attrezzi,….) donato da privati, che gli operai sistemano e rivendono presso il negozio “Spigolandia” in città.

Molto apprezzato dai bambini il dono offerto a tutti da Comieco: un gioco per la classe, del materiale illustrativo e una casetta di cartone per ciascuno da utilizzare come nido per gli uccelli oppure come portamatite.

 

Dulcis in fundo…. si è parlato di api e quindi di ….miele!

Preparatissimo il signor Claudio Vertuan, insegnante in pensione ed ora apicoltore per passione, che a scuola ci ha presentato con video e materiale concreto il bellissimo mondo delle api.

E ci ha pure messo all’opera facendoci realizzare con la cera una piccola candela e portando vari tipi di miele da assaggiare.

Il nostro percorso si è poi concluso nel migliore dei modi, con una visita presso l’abitazione del sig.Gianni Crescimbeni che ci ha mostrato le sue arnie e come produce il miele.

Grazie signor Gianni e brava maestra Paola per le belle cose che ci hai permesso di vedere e conoscere.