Ultima modifica: 24 ottobre 2018
Istituto Comprensivo di Vobarno > Senza categoria > Scuola primaria “G. E. Falck”

Scuola primaria “G. E. Falck”

Via A. Poli, 12 – 25079 Vobarno (BS)
tel. 0365/61041; fax: 0365/597109

 

La scuola primaria Giorgio Enrico Falck fa parte dell’Istituto Comprensivo Statale di Vobarno ed è situata a Vobarno, in via Alfredo Poli n° 12. È un edificio costruito in epoca non recente, tuttavia i locali, ampi e luminosi, sono stati adeguati alle norme di sicurezza degli impianti elettrici e termici e alle normative antincendio. Le classi attualmente sono 16: quattro prime, tre seconde, tre terze, tre quarte e tre quinte. Il bacino di utenza è composto dalla popolazione scolastica di Vobarno e delle frazioni di Carpeneda, Teglie, Collio, Pompegnino, Degagna ed Eno. Il trasporto è garantito da pullman appaltati dall’Amministrazione Comunale. È possibile usufruire del servizio mensa.

STRUTTURA ORGANIZZATIVA
L’edificio, completamente cablato nel settembre 2016, è diviso in tre blocchi ognuno con una propria entrata dotata di maniglioni antipanico, è posto su due piani e conta 20 aule. Dieci sono posizionate al piano rialzato. Qui si trovano l’aula del sostegno, adattata con strumenti e tecnologie, e l’aula di informatica nella quale le varie classi hanno la possibilità di operare con una ventina di computer  completati da tre stampanti. In posizione centrale rispetto all’entrata si trova la palestra, dotata di una propria uscita di sicurezza, un ufficio con biblioteca magistrale, la stanza dei collaboratori scolastici.
Dieci aule (tra le quali l’aula di musica) sono al primo piano. Posizionata proprio sopra l’entrata principale c’è l’aula magna nella quale si svolgono attività di gruppo, spettacoli degli alunni o riunioni con i genitori. Questo spazio è dotato di un’ampia terrazza e di una propria uscita di sicurezza. Esistono nell’edificio tre aulette di piccole dimensioni  che vengono utilizzate sia per lavori individualizzati con un piccolo gruppo di scolari, sia per includere nella realtà scolastica alunni diversamente abili o con disagi gravi. Dall’anno scolastico 2018-2019 in ogni aula vi è una LIM (lavagna imterattiva multimediale) con videoproiettore e pc a disposizione di alunni e docenti.
Un ampio spazio esterno circonda i tre blocchi dell’edificio; il cortile antistante è delimitato da una serie di tigli quasi centenari. Gli spazi posteriori hanno terreno ghiaioso e sono attrezzati con tavoli e panche.

GALLERIA FOTOGRAFICA

TEMPO  SCUOLA
Le sedici classi attuano un tempo – scuola  così distribuito su sei giorni :
classi prime: 28 ore settimanali, rientro pomeridiano il lunedì;
classi seconde, terze, quarte e quinte, 30 ore settimanali, rientri pomeridiani il lunedì e il mercoledì.

h.7.45 apertura dei cancelli del cortile
h.8.10 inizio lezioni
h.10 intervallo
h.10.20 ripresa delle lezioni
h.12.10 termine lezioni antimeridiane (lunedì, martedì, mercoledì, sabato)
h.13.10 termine lezioni antimeridiane (giovedì e venerdì)
h.12.10 – h.13.55 pausa mensa
h.14 inizio delle lezioni pomeridiane
h.16 termine lezioni

 

ATTIVITÀ E PROGETTI

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ
Educare alla legalità significa elaborare e diffondere una autentica cultura dei valori che:
intende il diritto come espressione del patto sociale, indispensabile per costruire relazioni consapevoli tra i cittadini e tra questi ultimi e le istituzioni;
consente l’acquisizione di una nozione più profonda ed estesa dei diritti di cittadinanza, a partire dalla consapevolezza della reciprocità fra soggetti dotati della stessa dignità;
aiuta a comprendere come l’organizzazione della propria vita personale e sociale si fondi su un sistema di relazioni giuridiche;
sviluppa la consapevolezza che condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza, non possono considerarsi come acquisite per sempre, ma vanno perseguite, volute e, una volta conquistate, protette (C.M. N° 302 del 25/10/1993).
Ogni classe ha inserito all’interno della programmazione ordinaria azioni didattiche e attività dedicate alla riflessione sul tema della legalità.

EDUCAZIONE AMBIENTALE
È impegno di tutti i docenti portare gli alunni ad una visione critica della situazione ambientale, osservando i seguenti criteri:
far acquisire il concetto di sviluppo sostenibile;
abituare gli alunni alla raccolta differenziata dei rifiuti;
collaborare con Enti e Associazioni (guardie ecologiche, polizia provinciale, gruppi di volontari).
Il progetto “LA SECONDA VITA DELLE COSE” coinvolge ormai da anni tutto il plesso con
la realizzazione di addobbi natalizi che abbelliscono le strade del paese.

EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA
L’educazione alla sicurezza è un impegno trasversale, ogni insegnante è tenuto ad informare i propri alunni sulla necessità di una disciplinata osservanza dei comportamenti, delle norme e delle procedure stabilite per la prevenzione degli infortuni derivanti dai rischi connessi all’ambiente scolastico e sulle problematiche conseguenti all’instaurarsi di una situazione di emergenza. I docenti si avvalgono della collaborazione della Protezione Civile e di altri Enti per approfondimenti, consolidamenti, simulazioni ecc.

EDUCAZIONE INTERCULTURALE
La nostra società è sempre più multietnica, pertanto la scuola deve promuovere l’educazione interculturale con l’obiettivo di una corretta conoscenza e integrazione dell’alunno straniero. La Commissione Intercultura ha predisposto un “Progetto Accoglienza” al quale fare riferimento; coordina, inoltre, nel corso dell’anno scolastico, attività di educazione interculturale ed elabora proposte sull’utilizzo di risorse da destinare agli alunni stranieri.

EDUCAZIONE STRADALE
L’educazione stradale rientra opportunamente nelle finalità generali che la scuola primaria si prefigge assumendo caratteristiche di trasversalità rispetto ai vari ambiti disciplinari; i contenuti specifici offrono l’opportunità di un immediato riscontro con l’esperienza quotidiana del bambino e rappresentano validi spunti che concorrono a far divenire l’alunno responsabile delle sue azioni, a sollecitarne l’inserimento attivo nell’ambito della dimensione sociale e a favorirne la partecipazione al “bene comune”. Con adeguati strumenti scolastici e in collaborazione con la Polizia Locale, nel corso dei cinque anni del curricolo, tenuti presenti i principi della gradualità e della processualità, si tenderà al conseguimento degli obiettivi seguenti:
-conoscenza delle regole della strada;
-acquisizione di strumenti per la comprensione del sistema di circolazione in vigore.

PROMOZIONE ALLA LETTURA
Il progetto è organizzato dalla Biblioteca Comunale ed è rivolto agli alunni di tutte le classi della scuola primaria. Vengono attivati coinvolgenti laboratori per tutti, mentre per le classi quarte viene organizzata un’avvincente gara di lettura suddivisa in due manches con caccia al tesoro finale.

PROGETTO CRESCO E COMUNICO SUONANDO (cl.5^)

Il progetto vuole garantire il diritto e l’opportunità di essere educati alla musica a tutti i bambini, (come prevedono il progetto “Speciale Musica 2020” del Ministero Istruzione Università e Ricerca e le raccomandazioni del Comitato Nazionale per l’apprendimento della musica) anche a quelli di famiglie meno abbienti o meno sensibili all’argomento. Il Corpo Bandistico di Vobarno (CBS) si prende cura di tutta l’organizzazione del progetto, fornendo gratuitamente (in comodato d’uso per la durata del progetto) strumenti musicali e offrendo lezioni tenute da insegnanti qualificati.

Gli obiettivi che si intendono perseguire sono:

-Insegnare il linguaggio musicale ai bambini della quinta elementare servendosi di strumenti veri e propri e di un corpo di insegnanti diplomati e preparati a questo tipo di attività specifica.

-Cogliere l’importanza del gruppo, la collaborazione, il rispetto reciproco e l’amicizia con i propri compagni.

Il Corpo Bandistico Sociale di Vobarno è l’ente ideatore e promotore del progetto; provvede all’acquisto degli strumenti, dei leggii, del materiale didattico (metodi, fotocopie, libri di teoria, bacchette delle percussioni) e accessori vari per la manutenzione degli strumenti (olio, ance, grassi vari), oltre a mettere a disposizione gli insegnanti di strumento e il maestro direttore della Junior Band.